Skip links

La criptovaluta si sposta fuori dalla Cina

I prezzi del Brent si stavano dirigendo verso gli 80 dollari al barile ieri dopo che i paesi OPEC+ hanno rotto i negoziati con gli Emirati Arabi Uniti. I disaccordi tra l’Arabia Saudita e gli EAM minacciano la stabilità del prezzo del petrolio e la ripresa economica.

La battaglia personale tra i due paesi ha destabilizzato i colloqui della riunione OPEC+, a causa dei quali l’aumento della produzione previsto per agosto si è fermato. Senza prospettive immediate per una ripresa dei colloqui, il greggio è salito sopra i 77 dollari a Londra per la prima volta negli ultimi due anni. Questa mattina, nella sessione asiatica, l’oro nero ha continuato la sua striscia positiva.

Il resto dei mercati finanziari è in attesa dei verbali della Federal Reserve (Fed) previsti per domani (mercoledì). La Fed segnerà la direzione della politica monetaria negli Stati Uniti dopo gli ultimi dati sull’inflazione, i dati sull’occupazione e le varianti del virus.

I metalli – L’oro ha registrato il suo quinto guadagno giornaliero, iniziando la seconda metà dell’anno in territorio positivo. Il metallo giallo è salito dello 0,3% a 1.798,68 per oncia. Palladio, argento e platino hanno anche registrato alcuni guadagni.

In Europa, i ministri britannici hanno chiesto un maggiore controllo della Financial Conduct Authority e della Prudential Regulation Authority dopo l’uscita dall’UE. Dopo oltre 40 anni di incorporazione dei regolamenti UE nel quadro giuridico nazionale del Regno Unito, il Regno Unito torna ad attuare le proprie regole nazionali. Ora, l’Inghilterra, uno dei più grandi centri finanziari del mondo, sarà responsabile dell’avvio dei suoi piani economici e dell’allontanamento dai regolamenti UE e dalla MiFID.

Le criptovalute iniziano la loro migrazione dalla Cina

La recente prepotenza delle autorità cinesi contro le criptovalute sta portando le compagnie minerarie ad agire di conseguenza. La multinazionale Global Block Chain Company (IBC) ha annunciato che terminerà le operazioni di estrazione di Bitcoin ed Ether nel paese.

La multinazionale delle criptovalute trasferirà i suoi dipendenti in Canada, Islanda, Kazakistan, Stati Uniti ed Emirati Arabi Uniti, tra gli altri.

Le pressioni del paese asiatico contro gli asset digitali hanno causato un calo del Bitcoin del 28%. La terra del drago ha lanciato la sua guerriglia contro le criptovalute il mese scorso, prendendo di mira gli investitori in attività digitali e successivamente imponendo restrizioni di attività in alcune delle sue province.

L’anno scorso, la produzione mineraria di cripto-asset ha rappresentato il 65% della produzione globale. Secondo l’Università di Cambridge, il Sichuan è la seconda provincia più minata di bitcoin in Cina.

Segui tutte le notizie economiche con Traders Trust, un broker di fiducia è stato nei mercati finanziari per oltre un decennio. Apri un conto di trading con Trader Trust e approfitta del 200% Bonus sul deposito.