Il Dow Jones registra il suo più grande calo da febbraio

DJ drops

Le preoccupazioni per l’inflazione negli Stati Uniti hanno causato importanti vendite in molti settori aziendali e hanno causato il calo degli indici statunitensi per il secondo giorno consecutivo. Il Dow Jones Industrial Average è sceso di quasi 475 punti, segnando il più netto calo di un giorno dell’indice da febbraio.

I timori di un aumento dell’inflazione non sono nuovi; Sono stati presenti nei mercati statunitensi per la maggior parte del 2021, a causa della spinta ricevuta in un’economia domestica con domanda repressa, nonché dello stimolo del governo. Queste preoccupazioni hanno portato a cali dei valori di crescita e del settore tecnologico.

Il Nasdaq Composite è sceso di 12,43 punti, o dello 0,1%, chiudendo al di sopra del suo più grande calo del 2,2% per la giornata. L’S & P 500 è sceso di 36,33 punti, o dello 0,9%, chiudendo anch’esso al di sopra del suo più grande calo della giornata. I rendimenti del Tesoro sono rimasti invariati, registrando la sua terza sessione consecutiva di guadagni, mentre il dollaro è salito.

Gli investitori stanno aspettando i dati sull’inflazione e le vendite del debito pubblico negli Stati Uniti.Questi eventi potrebbero causare volatilità del mercato. L’inflazione dei prezzi al consumo dovrebbe accelerare.

Il Nasdaq Composite è sceso di 12,43 punti, o dello 0,1%, chiudendo al di sopra del suo più grande calo del 2,2% per la giornata. L’S & P 500 è sceso di 36,33 punti, o dello 0,9%, chiudendo anch’esso al di sopra del suo più grande calo della giornata. I rendimenti del Tesoro sono rimasti invariati, registrando la sua terza sessione consecutiva di guadagni, mentre il dollaro è salito.

Gli investitori stanno aspettando i dati sull’inflazione e le vendite del debito pubblico negli Stati Uniti.Questi eventi potrebbero causare volatilità del mercato. L’inflazione dei prezzi al consumo dovrebbe accelerare.

Il governatore della Federal Reserve, Lael Brainard, ha dichiarato martedì che la banca centrale degli Stati Uniti non è vicina al raggiungimento dei suoi obiettivi di inflazione e occupazione con rischi che incombono sulle prospettive positive degli Stati Uniti. Altri funzionari della Fed hanno recentemente affermato che l’economia deve ancora essere supportata dal tasso di interesse vicino allo zero della banca centrale e dai suoi 120 miliardi di dollari di acquisti mensili di obbligazioni.

Le dichiarazioni non hanno rassicurato le preoccupazioni degli investitori sull’inflazione e una politica monetaria più rigorosa. Gli investitori credono ancora che l’inflazione aumenterà bruscamente nei prossimi mesi a causa della spesa post-pandemia, della carenza di offerta e dell’aumento dei prezzi delle materie prime.

In altri mercati, l’Hang Seng (HK50) e il giapponese Nikkei 225 (JP225) hanno registrato perdite. Il petrolio statunitense è rimasto sopra i 65 dollari, mentre l’oleodotto Colonial, il più grande degli Stati Uniti, rimane chiuso dopo aver subito un attacco informatico che ha causato carenza di carburante in alcune aree degli Stati Uniti.

Fai trading di contratti per differenza (CFD) con un broker affidabile che offre vantaggi reali ai suoi trader. Richiedi il bonus di deposito del 200% e fai trading sui mercati con il tuo deposito iniziale triplicato.